venerdì 26 febbraio 2010

Lavorare il filo metallico: il blocchetto

Il mio problema era: come fare a trovare un blocchetto per lavorare il filo metallico in modo economico e magari anche ecologico? Vi dirò che ero quasi decisa a comprarlo e mi ero già girata in lungo e in largo molti negozi online di attrezzi per gioielleria, quando un pomeriggio mi arriva una illuminante mail da Beading Daily. Il tema: Gli attrezzi da avere per lavorare coi metalli. Lo svolgimento sorprendente: l'autrice dei consigli ha aggiunto una foto del suo personalissimo blocchetto... altro non era che un antico ferro da stiro! Oh, illuminazione! Ma certo, i vecchi ferri da stiro sono pesanti blocchi di metallo, capovolti costituiscono un'ottima superficie per lavorare di martello, sempre che siano in buone condizioni, il che vuol dire abbastanza lisci e non arrugginiti o incrostati. Ma c'è un però: di solito questi ferri in ghisa sono un blocco unico insieme al manico, che perciò dovrebbe essere tagliato o almeno inserito in un supporto.
Ringalluzzita giro per i miei mercatini preferiti in cerca dell'oggetto del desiderio, e scopro che appunto il manico costituisce un problema ma che la superficie è assolutamente perfetta! Ormai sono gasatissima e, mentre mi arrovello per trovare un supporto adatto che possa contenere il ferro capovolto, trovo questa meraviglia: ferro da stiro elettrico Astro, anni '50, alla modica cifra di 3 euro.

ferro stiro vintage

Mi bastava solo andare avanti di qualche anno e avrei trovato la soluzione giusta... Infatti questi ferri elettrici hanno una base (la piastra vera e propria) che è un blocco unico di metallo liscissimo e levigato, credo di acciaio, che pesa circa 950 grammi. All'interno del ferro si trova anche un altro blocchetto di metallo più piccolo che essenzialmente serve come peso e che pesa altri 450 grammi.
Qui sotto vedete quello che ho ricavato smontando il ferro: due piastre maneggevoli su cui divertirmi a martellare a più non posso!! Quella più piccola non è perfettamente liscia ma ha delle rigature leggere sulla superficie che possono servire ad aggiungere texture al metallo lavorato, mentre quella più grande è liscissima e molto ampia.

blocchetti incudine metallo



mercoledì 24 febbraio 2010

Perline di feltro: il miglior tutorial

Nella pagina dei tutorial trovate ormai da molto tempo ben quattro tutorial per fare le perline di feltro, per la precisione tre per infeltrire ad acqua e uno ad ago. Non avevo mai provato a fare le perline di feltro da sola, alcune le avevo acquistate, temendo di cadere nell'ennesimo tunnel creativo...
Poco tempo fa però avendo la necessità di procurarmi perline di un colore preciso che non ho trovato ho comprato la lana cardata e provato finalmente uno dei tutorial che vi avevo segnalato. Li ho guardati e riguardati tutti poi ho scelto di seguire il tutorial fotografico di Liz Smith, alias MillGirl di Made in Lowell. Perché mi è sembrato il più semplice ed efficace.


Pensavo di avere qualche difficoltà, almeno con le prime perline, ma nulla di tutto ciò! Il tutorial di Liz è perfetto, semplicissimo e veramente efficace! L'uso dei guanti di gomma che lei suggerisce evita alle mani di rovinarsi e fornisce un extra di sfregamento e attrito che farà infeltrire la lana in modo veloce, senza sforzo.
L'unico consiglio è di partire con palline di lana abbastanza grandi perché si ridurranno di molto infeltrendosi, per il resto è un gioco, molto rilassante e divertente da fare anche coi bimbi, e credo di essere stata presa anche da questa tecnica...

Il blog di Liz: Made in Lowell
Il suo Flickr
Il suo Etsy shop

lunedì 22 febbraio 2010

Orecchini: il cerchio e la farfalla con turchese

Ho studiato, lo ammetto, ho pensato e ripensato a come rendere ancora più belli e ben rifiniti gli orecchini col cerchio di rame martellato che hanno suscitato tantissimi commenti (dei quali non smetterò mai di ringraziarvi...).
Ero perplessa dalla chiusura del cerchio e dall'aggancio della monachella, ma alla fine sono venuta a capo della questione e vi faccio vedere come.


orecchini cerchi turchese

Questi orecchini mi sono stati richiesti, e sono stata ben felice di realizzarli, l'abbinamento di colori è secondo me fra i più interessanti e, non ultimo, il turchese è il colore dell'anno secondo Pantone. Le perline a disco che ho utilizzato sono in pasta di turchese, il resto è tutto rame.

orecchini cerchi turchese

sabato 20 febbraio 2010

Tendenze: Ciff Trends spring 2010

Le mie tendenze preferite sono quelle che vengono dal nord Europa, ma non ci si deve ingannare più di tanto: la Ciff ha commissionato ad un'agenzia specializzata francese lo studio sulle tendenze per la primavera 2010.
La mia preferita è la Southern Folk, ma nel complesso trovo qualcosa di bello in ognuno dei filoni segnalati.
Il documento originale è scaricabile da qui

giovedì 18 febbraio 2010

Emporio Armani e le collane di t-shirt

Ricordate che l'anno scorso vi avevo parlato delle collane fatte con le t-shirt riciclate? Secondo voi quanto ci mette una buona idea a passare dalla rete, cioè dal basso, fino alle passerelle della moda, cioè all'alto più alto che si possa immaginare? Il re della moda, il mito Giorgio Armani, ha deciso che questa idea valesse la pena di essere inserita nella collezione di Emporio Armani primavera/estate 2010.

Emporio Armani 2010 collana

Emporio Armani 2010 collana

Ricostruire la storia di un'idea è difficile, io credo che davvero poche possano dirsi sinceramente e onestamente originali, in questo caso poi c'è di mezzo anche un brevetto (incredibile ma vero, qualcuno ha pensato bene di brevettare l'idea di tagliare strisce di tessuto e mettersele al collo...). C'è chi dice che questa idea, con molte varianti, circoli in rete ormai da anni, fatto sta che i due creatori di Necklush hanno pensato bene di brevettare il loro marchio e il loro prodotto. Questo è anche il motivo per cui non si trova più online il tutorial che vi avevo segnalato nell'altro post. Chissà se ora faranno causa anche a re Giorgio!
Io intanto vi segnalo due risorse per il fai da te (anche se la realizzazione di queste collane/sciarpe è assolutamente intuitiva...): il tutorial per realizzare il braccialetto che potrete usare come guida per la collana si trova su Instructables



martedì 16 febbraio 2010

Maglia in italiano: Yards of Yarn

Non fatevi ingannare dal nome che gioca sul suono e sul significato delle parole inglesi, questo sito è tutto in italiano ma sarà all'altezza delle vostre più avide aspettative in fatto di design, di contenuti e di stimoli.
Il proposito delle creatrici di Yards of Yarn è quello di colmare un vuoto, quel vuoto di cui noi tutte ci lamentiamo ogni volta che non troviamo nulla di moderno, di interessante e di innovativo nel mondo della maglia in Italia. Ebbene, Micicuta e Lotusim anziché lamentarsi si sono rimboccate le maniche e si sono dette che "era uno sporco lavoro ma qualcuno doveva pur farlo!" E allora via di video, di foto e di scrittura... e all'inizio di febbraio hanno inaugurato uno spazio virtuale accogliente e già pieno di cose interessantissime, e soprattutto curato nello stile e in ogni particolare.
Avete voglia di imparare a lavorare a maglia seguendo istruzioni in italiano ma spiegazioni e metodi moderni? Yards of Yarn è il posto giusto per voi. Grazie ai VideoTutorial potrete imparare finalmente tutte le tecniche che avete ammirato sui siti americani e inglesi.
Un primo assaggio con un video sull'avvio delle maglie, quello che in inglese si chiama long tail cast on (sarebbe letteralmente avvio delle maglie a coda lunga). Vedrete che nel video si avviano le maglie su un ferro circolare, e si utilizza un piccolo trucco all'inizio: anziché iniziare con il classico cappietto che forma il primo punto si usa un espediente che permette di ottenere due punti insieme e questo da' un aspetto più bello e pulito al bordo della maglia. E' il metodo suggerito dalla mitica Elizabeth Zimmermann nel suo Workshop.

domenica 14 febbraio 2010

Tendenze: bijoux trends da Eclat de Mode

Eclat de Mode è l'evento internazionale parigino dedicato al mondo della moda gioielli e della bigiotteria, che permette di ammirare circa 500 espositori di gioielli e preziosi provenienti da tutto il mondo. Collegato con gli altri saloni della moda, dell'accessorio e della decorazione, sul suo sito presenta un interessante documento con le tendenze per la primavera/estate 2010.
Il documento originale lo trovate a questo link.

venerdì 12 febbraio 2010

Saroyan

sciarpa Saroyan

Credo di non avervi mai detto di amare le serie tv. Ecco, adesso l'ho fatto!
Una delle mie serie preferite è Bones, e se conoscete lo show potrete capire perché gironzolando su Ravelry sono stata attratta da un modello che si chiamava Saroyan. Cam Saroyan è una delle protagoniste della serie e la sciarpa a lei dedicata da Liz Abinate la rispecchia molto: è raffinata ma anche simpatica, semplice e sofisticata al tempo stesso.

foglia Saroyan

E' stato un vero piacere lavorare questa sciarpa, sia per la lana (un misto di lana merino e alpaca davvero morbidissima), sia per il pattern: è scritto benissimo, chiaro e semplice, molto dettagliato (per le foglie c'è sia lo schema scritto passo a passo che lo schema disegnato per chi preferisce seguire in modo più immediato), con uno schema per la quantità di filato che occorre per ciascuna parte della sciarpa, in modo da poterla eseguire esattamente con la quantità di filato in vostro possesso e, dulcis in fundo, senza nemmeno un errore.

sciarpa Saroyan

Ieri per la prima volta l'ho indossata e l'ho trovata caldissima e comoda, una vera soddisfazione!

mercoledì 10 febbraio 2010

Orecchini in rame: il cerchio e la farfalla

Due cerchi in rame modellati e martellati a mano, due piccole farfalle in vetro, due chiodini con pallina da cui sono formate le monachelle ad amo, e per finire soltanto dei piccoli mezzi cristalli e perline di vetro indiano.

orecchini cerchio e farfalla

I protagonisti sono sicuramente i cerchi, ottenuti da filo di rame da 1 mm, prima anticato nel solito modo e poi modellato a cerchio, infine martellato fino ad ottenere la forma che vedete nelle foto. Per metterli in risalto ho lasciato la decorazione alla monachella, e aggiunto solo delle piccole perline per dare movimento all'insieme.

orecchini cerchio e farfalla
Qui, visti da dietro, potete vedere com'è fatta e agganciata la monachella.

orecchini cerchio e farfalla

lunedì 8 febbraio 2010

La sciarpa infinita

Si chiama proprio così, Infinity scarf, e se vi va di fare una ricerca con Google vedrete cosa viene fuori a cercare queste due paroline...
Da noi praticamente sconosciuta, in giro per il mondo una vera e propria hit di quest'inverno, e già se ne vedono in morbido jersey in versione primaverile. Se vi chiedete cosa sia è presto detto: è un largo anello lavorato in tondo, largo quanto volete voi e lavorato come più vi aggrada. Va portata semplicemente infilata come un'enorme collana, oppure rigirata intorno al collo per quante volte lo permette la lunghezza o lo suggerisce il clima...


Questa meraviglia è opera di Margaux, alias Tentenknits, che l'ha battezzata 5th Avenue: se vi va di sapere perché leggete nel post la divertente storia che c'è dietro la creazione di questa sciarpa.

Tutte le foto gentilmente concesse da Tentenknits

Se volete realizzarla trovate il modello e tutte le altre belle creazioni di Margaux sul suo blog.

{Altre idee per indossare l'Infinity scarf.
E ancora da American Apparel}

venerdì 5 febbraio 2010

Eco-Craft: le perline di stoffa

Lavorare coi tessuti porta a ritrovarsi con tantissimi scarti, di cui spesso ci si libera, non sapendo cosa farne. Ci sono moltissime idee invece che ci possono aiutare a non sprecare nemmeno un pezzettino di tessuto, e altre idee che ci possono spingere a usare il tessuto in maniera alternativa e innovativa, ad esempio usandolo per creare delle perline.
In previsione della primavera (anche se fuori nevica) potrebbe essere una tecnica da provare, e noi abbiamo le dritte giuste grazie a Sara Pacciarella. Sara ha un incredibile senso del colore e crea sempre accostamenti perfetti, sia quando lavora all'uncinetto fiori e farfalle, o semplici cerchi che poi decora con conteria, perline e nastri , sia quando crea e decora le sue splendide perline in tessuto.


Nel suo ultimo post ha anche inserito un interessante tutorial fotografico, molto chiaro e semplice, per mostrare come ha realizzato queste colorate meraviglie.

Tutte le foto sono di Sara Pacciarella

Trovate Sara sul suo blog, su Flickr, e nel suo negozio Dawanda.

Altre fonti di ispirazione per le perline in tessuto:
Forme e nodi da Threads Magazine
Articolo dalla ex curatrice di Beading Daily

Qualche bella immagine da guardare:
Il Flickr di Alma Stoller

mercoledì 3 febbraio 2010

Guantini scaldamani: schemi in italiano

Dopo averne parlato tanto, e visto che il freddo polare non accenna a diminuire, ho raccolto per voi in questo post tutti i modelli in italiano per realizzare gli scaldamani a maglia, per lo meno tutti quelli che ho trovato in giro...

Parto dai miei Guantini all'arancia appena pubblicati

Poi ancora vi ricordo gli scaldamani di Creativeyarn che trovate qui nell'originale in inglese e qui nella mia traduzione.

I bellissimi guantini di Maglia&Chincaglie

Questi, deliziosi, sono gli scaldamani disegnati da Tzugumi, il pattern in inglese e italiano su Ravelry.


E sempre lavorati in piano questi di Elisa/Donnette Fever con le trecce, per chi non ama i ferri circolari

Gli Scaldamani quasi reversibili di Typesetter sono online già da qualche anno

{Se voi ne avete scovati altri, o magari avete scritto un modello, lasciate pure un commento con l'indirizzo: amplieremo questa selezione. Presto troverete su questo blog una pagina con i link ai modelli/schemi a maglia in italiano presenti sulla rete, se vorrete segnalarmene via mail di interessanti ne sarei felice!}

AGGIORNAMENTO
Appena trovato questo pattern via Ravelry, lo aggiungo alla lista: Fingerless gloves for lazy people di Carlotta, sul blog Walking through New Zealand

lunedì 1 febbraio 2010

Feltro in fiore

collana fiore feltro

Una collana un po' insolita, che ha come punto focale un fiore in feltro, fatto in parte con lana infeltrita riciclata. La chiusura si trova sul davanti, ed è già decorativa di per se', accanto alle perline in feltro bordeaux.
L'abbinamento con la catena argentata e la chiusura a T da' alla collana la luce che il feltro non ha, ma in modo molto discreto e delicato perchè ho scelto una catenina molto sottile e una chiusura semplice.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails