lunedì 25 maggio 2015

Pietra di luna e argento: un anello

Un anello importante, capitato davvero per caso. Un'amica che mi mostra delle pietre, e tra queste dei piccoli cabochon di pietra di luna. Ne scelgo tre e li porto a casa: due sono decisamente ovali, il terzo è più piccolo, tondo ma non perfettamente... imperfettamente bello.
Decido di incastonarlo ma senza pensare davvero a cosa farne, un piccolo pendente forse? Non ne sono certa ma intanto voglio creare questo piccolo castone, e voglio che sia diverso da tutti quelli che si vedono in giro, voglio che sia delicato, che imprigioni questa bella pietra ma le dia anche respiro.

Anello con pietra di luna incastonata in argento e ottone
E dunque devo scegliere i materiali, anzi no, i materiali perfetti sono già nella mia testa da quando ho disegnato il piccolo castone con una foglia su un lato. Non può che essere argento e ottone similoro. Passo non so quanto tempo a misurare tutto: l'altezza della pietra, la circonferenza, scrivo, disegno, e finalmente segno sulla lastra e taglio. Il semplicissimo castone sembra quasi farsi da solo, dopo averlo pulito dalla saldatura non mi resta che decidere cosa diventerà. 
E, inaspettatamente, tutto mi dice "anello". E anello sia. 

Gambo anello in argento e ottone similoro
Anche il gambo è in argento, nella foto sopra vedete come poggia sul fondo del castone. Vedendolo dal retro potete notare come il movimento morbido della foglia sia stato ottenuto solo a martello. 

Anello con cabochon pietra di luna, argento e similoro
Penso che l'unione armoniosa di questi due materiali faccia da perfetta cornice alla pietra di luna. Oltre alla foglia laterale, mi sono voluta prendere la licenza di montare la pietra fuori asse. L'effetto finale è di delicatezza e luce, e ne sono davvero soddisfatta. 

Anello con pietra di luna incastonata in argento e ottone
A_044
Pietra di luna, argento .925, ottone similoro




martedì 19 maggio 2015

Tornano i tubicini: orecchini in ottone

Tornano sì, dopo averne realizzati diversi ormai un bel po' di tempo fa, li avevo un po' abbandonati. Ma ultimamente, grazie alle cose nuove che sto imparando, questa forma ha ricominciato a farsi vedere fra le mie cose, anche se realizzata in modo diverso da come facevo (un po' ingenuamente) prima. E adesso riesco a farli molto piccoli, il diametro minore consente di realizzare oggetti più delicati. Come questi orecchini che vi presento oggi in ottone similoro e argento.

orecchini in ottone similoro e argento 925
Non so se dalle foto si riesce a cogliere pienamente ma la superficie dell'ottone similoro, prima di essere formata, è stata impressa con una texture molto delicata ma comunque ben definita e visibile, che la irruvidisce e trattiene il colore della patina. Anche qui si tratta delle prime sperimentazioni col laminatoio, ancora molto timide, ma già piene di promesse! 

decorazione saldata in argento 925
Verso il fondo del tubicino ho inserito una semplicissima decorazione prendendo uno scarto di filo d'argento, appiattendolo e saldandolo in modo volutamente un po' casuale e sbavato, anzi in realtà avrei voluto che la sbavatura fosse ancora più evidente, ma il risultato alla fine è stato più pulito di quanto volessi. 

tubicini in ottone e argento 925
Il gancio invece non l'ho saldato. Avrei potuto, ma alla fine ho deciso di no, mi sembra più interessante quando tante tecniche diverse si incontrano nello stesso pezzo. E qui il gancio è rivettato sulla parete del tubicino in modo che la testa del filo diventasse elemento decorativo. 

O_177
Ottone similoro e argento .925




lunedì 11 maggio 2015

Spilla da scialle con fiore

Penso sempre che in questo lavoro il fatto di avere dei limiti (della più diversa natura, possono essere le attrezzature, i materiali, il tempo, persino la tecnica) mi abbia spinto a cercare di superarli e allo stesso tempo in qualche modo a dilatarli, a esplorarli e a spingerli sempre un pochino più in là.
Non sono brava a lavorare sotto pressione, sono una persona molto emotiva ed è sempre stata una grande fregatura nella vita. Però a volte il fatto di avere poco tempo e di dover comunque produrre qualcosa di nuovo può giocare a nostro favore. A me è capitato con questa spilla. Forse era qualcosa che avrei voluto provare a fare, senza avere la spinta giusta. Ma non avendo molto tempo ho cercato nella mia scatola delle prove, degli scarti, e di tutto ciò che potrebbe ancora essere riutilizzato e ci ho trovato un fiore fatto a foldforming durante una lezione. Era già pronto, solo da rifinire, e perché, mi sono chiesta, non costruirci intorno una spilla?

Spilla da scialle in rame lavorato a foldforming

E' stato più semplice di quanto pensassi, e il fiore saldato alla base della fibula si è rivelato un perfetto elemento decorativo. Queste spille da scialle che incorporano elementi in metallo forgiati o lavorati a foldforming sono diventate le mie preferite, anche se ovviamente una per me non l'ho ancora realizzata!

Spilla da scialle in rame con fiore a foldforming
S_034
Spilla da scialle in rame lavorato a foldforming



mercoledì 6 maggio 2015

Orecchini ottone e argento

Non era mia intenzione fare una parure, anche se alcune persone amano indossare gioielli abbinati. In realtà mi aveva tanto affascinato la forma finale dell'anello che vi ho presentato qualche giorno fa che ho voluto provare a rifare gli stessi elementi in ottone per un paio di orecchini.

Orecchini in ottone similoro e argento 925
Si prestava benissimo per le dimensioni e la forma. Anche se devo dire che come elemento di un anello è di sicuro più originale. Ma ormai vi ho detto che sono innamorata di questa tecnica, e continuare a sperimentarla mi permette di acquisire più sicurezza e cercare di avere sempre risultati migliori.

Orecchini forgiati a mano in ottone e argento
O_175
Ottone similoro, argento .925





lunedì 4 maggio 2015

Una foglia rossa sugli orecchini

Un po' di foldforming nella sua forma più semplice, una linea che crea un rilievo. Una tridimensionalità ancora più marcata, data non solo dalla piega ma anche dal lavoro del martello all'interno del pezzo che crea una bombatura. E poi la patina, il colore rosso che accende il rame. 

Orecchini in rame e argento con patina rossa

Una foglia diversa dal solito, quasi una barchetta, che ho montato usando solo un po' di filo d'argento, in modo molto semplice. Il colore della patina ha la caratteristica di presentare all'interno del pezzo queste sfumature arancio, e il movimento dell'orecchino riesce a mostrarle.

Orecchini in rame e argento

Orecchini in rame con patina rossa e argento 925
Ispirati alla natura che amo e ai piccoli particolari che mi colpiscono quando vado a camminare, a quei tocchi inaspettati di colore acceso, al lieve dondolio delle foglie sugli alberi, all'infinita meraviglia delle piccole cose.

Foglia rossa fra l'erba

O_170
Orecchini in rame e argento .925, patina.



lunedì 27 aprile 2015

Anello in ottone e argento di recupero

Ci sono forme, vagamente organiche e naturali, che ho sempre amato ma che non riuscivo a riprodurre fino a poco tempo fa, non quella naturalezza che era l'unico presupposto perché mi interessasse realizzare. Come al solito lavoro un po' senza meta, e mi ritrovo con dei campioni magari ben riusciti ma che non hanno una destinazione precisa. Come questo elemento in ottone similoro, modellato fino ad ottenere una leggera concavità in basso e una curva morbida in alto. 

Anello in ottone similoro forgiato a mano
Che è diventato un anello. Un anello a cui ho pensato tanto, tra la tentazione di fare un gambo aperto e adattabile a più misure, e il solito perfezionismo che mi ha spinta invece a farlo chiuso, interamente saldato all'elemento decorativo. 

Anello in argento 800 di recupero e ottone similoro
La fascia in argento che forma il gambo dell'anello, come vedete dalla foto del retro, è saldata in maniera asimmetrica, una soluzione che mi ha permesso di sfruttare in modo ottimale la forma dell'argento di recupero che ho utilizzato. E anche dal punto di vista estetico mi piace molto il risultato. Non sono riuscita a lasciare fuori nemmeno una delle foto che avevo fatto all'anello, perché ognuna rende qualcosa di questa forma, e della bella patina a fuoco che colora l'interno, mentre l'esterno è stato lucidato per far risaltare il contrasto.  

Ottone similoro forgiato a mano con patina a fuoco

Anello in ottone e argento 800 di recupero
A_041
Anello in ottone similoro e argento .800 di recupero.




LinkWithin

Related Posts with Thumbnails